Corso teorico – pratico fitodepurazione dal 27 al 30 settembre 2018 Fucecchio (FI)

web fito fucecchioLOCANDINA CORSO

Annunci

Corso di progettazione in permacultura Saludecio (RN) dal 18 settembre all’1 ottobre

web permarcadiaLOCANDINA CORSO

Corso teorico pratico fitodepurazione Camaiore 26 – 28 luglio 2018

web fito 2 camaioreLOCANDINA CORSO

Immagine

Corsi costruzioni con balle di paglia Parco Gran Paradiso

locandina A3 laboratori Ghiglieri.jpg

Autocostruzione nasce Aria Familiare Veneto Casa Respiro

DSCN4335

Casa Respiro è un’esperienza innovativa di Co-housing sociale che ha sede a Morgano (tv) in via Munara 4. E’ una piccola comunità flessibile che accoglie persone in difficoltà psicologica o con disagio mentale ben compensato, che hanno bisogno di staccarsi per un breve periodo dalla famiglia.

In questi giorni sono iniziati i lavori per la costruzione della nuova Casa, verrà recuperata una parte della struttura ed un’altra verrà auto costruita con materiali naturali quali legno, balle di paglia, terra cruda e calci.

respiro1

La straordinarietà di questa esperienza non sarà solo di costruire in maniera sostenibile, ma soprattutto sarà il processo, che vede e vedrà coinvolti istituzioni, volontari ed ospiti dove l’autocostruzione sarà il veicolo per arricchire le nostre vite; e dovremo ringraziare proprio gli ospiti quelli le cui difficoltà sono manifeste, ma che ci daranno una grande occasione per superare le nostre difficoltà quelle che si celano nella normalità; una normalità che spesso ci produce senso di solitudine e di disagio.

DSCN3602

Auto costruire Casa Respiro diventerà un atto naturale dove tutti lavoreranno ed impareranno gomito a gomito, non solo a costruire un edificio, ma a costruire un modo di vivere dove le differenze saranno come dovrebbero sempre esserlo la centralità del nostro sviluppo personale.

Il cantiere in auto costruzione inizierà con delle esperienze didattiche, dal 19 al 22 luglio, verranno insegnate le tecniche per mettere in opera murature con struttura in legno e balle di paglia; dall’1 al 5 agosto ci sarà un altro corso, dove impareremo a produrre malte in terra cruda e malte in calce e metteremo in opera gli intonaci.

I corsi hanno l’obbiettivo principale di fornire strumenti  conoscitivi agli autocostruttori che completeranno l’opera in autonomia, ma anche quello di innescare contatti e condivisioni, pertanto saranno aperti a tutti.

I corsi saranno patrocinati da Aria Familiare e guidati da Stefano Mattei.

Per ulteriori informazioni potete andare a visitare il sito di Terra Semplice

https://terrasemplice.wordpress.com/ oppure potete contattare Stefano 329.6367791; s.mattei60@gmail.com

DSCN3876

I partner del progetto sociale sono:

Caritas Treviso; Dipartimento di Salute Mentale dell’Ulss 9 di Treviso, l’Associazione AnimaZero, Casa San Cassiano; Comuni di Morgano, Zero Branco, Istrana, Quinto di Treviso, Preganziol.

Il progetto tecnico ha visto la partecipazione gratuita ed appassionata di:

Per avere più dettagli tecnici potete visitare il sito di Beegroup http://www.beegroup.info/casa-respiro/

Autocostruire la propria casa con Aria Familiare

Aria Logo

Il “diritto alla casa” è riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, dalla Costituzione italiana e dalla “Dichiarazione Universale sui Diritti Umani”, ma l’accesso all’abitazione resta di fatto precluso a larghe fasce di popolazione, ed è qui che l’autocostruzione e/o l’autorecupero potrebbero svilupparsi come pratica a supporto dell’edilizia popolare.

Fino ad oggi chi voleva autocostruire o autorecuperare la propria abitazione con l’aiuto di amici e parenti non poteva farlo in modo legale se non inquadrando l’autocostruttore entro forme associative onerose economicamente, quali le cooperative edilizie che mal si adattano a piccoli gruppi di autocostruttori ed a interventi piccoli quali una casa monofamiliare.

DSCN3885

 

Il totale disinteresse dimostrato fino ad oggi a riconoscere ed incentivare l’autocostruzione “FAMILIARE” (definiamo così l’autocostruzione di piccoli interventi operati da famiglie o da piccoli gruppi di persone, per distinguerla “dall’autocostruzione organizzata ed assistita” che utilizza la forma giuridica della cooperativa su interventi di scala più grande), è un fenomeno singolare e tutto italiano, poichè in gran parte degli stati europei è possibile autocostruire; in Francia per esempio, in aree extraurbane si può autocostruire edifici fino a 169 mq seguendo delle semplicissime regole, dotandosi di adeguate coperture assicurative, esistono associazioni e scuole che supportano la formazione degli autocostruttori.

I principi che sottostanno all’AUTOCOSTRUZIONE FAMILIARE sono quelli della sostenibilità sociale ed ambientale.

Sociale non solo da un punto di vista economico, poichè nei progetti di autocostruzione ed autorecupero si intensificano e si ricucione le relazioni con la propria comunità e con una rete più vasta di solidarietà, l’esperienza dell’autocostruttore rigenera il senso di appartenenza nei confronti della collettività, innesca processi formativi formidabili. Ambientale perchè solitamente chi si costruisce la propria abitazione, presta particolare attenzione all’uso di materiali salubri e quindi naturali, è più facile quindi approcciarsi a tecniche di bioedilizia, con particolare attenzione all’efficienza energetica, tutto questo ha anche una ricaduta sull’economia locale, materiali e competenze vengono ricercate sul proprio territorio.

Per questi motivi ci piace definire l’AUTOCOSTRUZIONE FAMILIARE anche Eco-autocostruzione.

Aria Familiare in questi anni è riuscita ad attivare già molti cantieri in autocostruzione, la Toscana con  la delibera del 12 marzo 2015 la Regione Toscana ha deliberato le “Linee guida di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione ed autorecupero“.

E’ stato un evento che ha avuto una grande rilevanza sociale, in quanto la Toscana è la prima regione in Italia che di fatto riconosce la figura dell’autocostruttore semplice, non inquadrato all’interno di una cooperativa.

DSCN4415

Da seie anni l’associazione A.R.I.A. familiare (Associazione Rete Italiana Autocostruzione Familiare www.ariafamiliare.it) supporta a livello nazionale gli autocostruttori, fornendo a loro ed ai professionisti, un aiuto concreto nel percorso dell’autocostruzione familiare, attraverso chiarimenti su tutti gli aspetti burocratici e di osservanza alle norme vigenti, ma soprattutto aiutandoli a dare risposte adeguate ai reali bisogni di un progetto di autocostruzione o autorecupero che essenzialmente sono:

  • utilizzo di tecniche semplici
  • formazione adeguata, sia sulle tecniche che sulla sicurezza in cantiere
  • poter disporre di una progettazione tecnica partecipata che possa rispondere in maniera efficace alle necessità degli autocostruttori
  • professionisti in edilizia che aiutino gli autocostruttori nelle varie fasi di costruzione

Per aiutare gli autocostruttori, A.R.I.A. Familiare sta creando una rete  di volontari che potranno in maniera gratuita, donare il proprio tempo e capacità presso questi cantieri, dove verranno ospitati e dove ci sarà un importante scambio di saperi e condivisione di principi ed esperienze.

Linee guida autocostruzione Toscana

Autocostruzione impianti di fitodepurazione

foto1

L’acqua è l’elemento più prezioso per la vita, purtroppo con le attività industriali e i nostri stili di vita, noi la inquiniamo in tutte le maniere, quindi prima di porsi il problema di come disinquinarla, accorerebbe rivedere tutti i nostri sistemi di produzione agricola ed industriale per tutelare veramente questa preziosa risorsa.

Le prime esperienze di depurazione delle acque con le piante sono state fatte negli anni 70 in Germania, sono state sviluppate molte tecniche che si sono diffuse in tutta l’Europa del nord, in Italia qualcosa si sta muovendo ma con molto ritardo.

Il tutto è nato con l’osservare cosa succede in natura, gli ecosistemi rilasciano naturalmente delle risorse di cui si avvantaggiano altri ecosistemi, quello che noi riteniamo un rifiuto, in un sistema naturale in equilibrio rappresenta una risorsa; quando queste risorse si accumulano in eccesso e non vengono captate dagli altri ecosistemi, abbiamo un inquinamento naturale con il manifestarsi di alluvioni, eruzioni vulcaniche ecc., ebbene la natura ha elaborato dei sistemi efficientissimi che sono le paludi e le lagune, di fatto sono i reni della natura, dove vegetano tantissime specie vegetali (macrofite) che hanno la caratteristica di pompare aria all’apparato radicale, ed entrare in simbiosi con tutta una serie di batteri che hanno la possibilità di decomporre sostanza organica con l’ossigeno messo a disposizione da queste piante.

foto2

Bonificare le zone umide è sempre stato un ottimo sistema per avere consenso politico, hanno iniziato i romani, che ridistribuivano le terre ai legionari, in Italia nel ventennio si sono bonificati 9 milioni di ettari con il risultato di aver distrutto in Europa oltre il 90% di zone umide

Ricreare questi sistemi per depurare le acque che noi inquiniamo con l’agricoltura, gli insediamenti abitativi ed industriali, consente di abbattere i costi di impianto e soprattutto di non sprecare energia; in un sistema di fitodepurazione sono le piante che lavorano e forniscono l’energia necessaria; nel nord Europa si stanno ricostituendo grandi zone umide preposte a depurare le acque domestiche di intere città.

Le tecniche sono varie, una di queste consiste nel creare stagni (lagunaggio), dove si introducono una serie di piante acquatiche, possibilmente locali, magari con dei pesci (rossi, gambusie) ghiotti di larve di zanzare, il sistema poi si popolerà di anfibi, mammiferi, insetti ed uccelli, questa tecnica oltre ad assolvere alla depurazione crea biodiversità e ambienti piacevoli alla vista.

Per le acque domestiche una delle tecniche più diffuse è quella di creare una vasca impermeabilizzata, che intercetta le acque provenienti da un sistema primario (degrassatore – fossa imofh), detta a flusso orizzontale, riempita di ghiaia e piantumata con cannuccia palustre, l’acqua viene fatta scorrere lentamente attraverso gli apparati radicali abbattendo oltre il 90% degli inquinanti, l’acqua di uscita può essere reimpiegata per irrigare orti, giardini, frutteti.

foto3

Con il patrocinio di Aria Familiare   http://www.ariafamiliare.it/  , si organizzano corsi di quattro giorni in varie parti d’Italia per insegnare ad auto costruire questi impianti, registrando la partecipazione di autocostruttori, tecnici ed imprese, durante questi eventi si alterna la teoria all’esperienza pratica spesso terminando l’opera; queste esperienze sono anche un’occasione di condivisione di pensieri e progetti.

Programma corsi 2018

Fivizzano (MS) 17 – 20 maggio – biopiscine

https://terrasemplice.wordpress.com/2018/03/28/corso-biopiscine-elementi-di-progettazione-e-realizzazione-fivizzano-ms-17-20-maggio-2018/

Marcon (VE) 21 – 24 giugno – fitodepurazione

https://terrasemplice.wordpress.com/2018/04/13/corso-teorico-pratico-fitodepurazione-marcon-ve-21-24-giugno-2018/

Camaiore (LU) 25 – 28 giugno – fitodepurazione

https://terrasemplice.wordpress.com/2018/05/21/corso-teorico-pratico-fitodepurazione-camaiore-25-29-giugno-2018/

Sant’Angelo in Pontano (MC) 5 – 8 luglio –fitodepurazione

https://terrasemplice.wordpress.com/2018/05/22/corso-teorico-pratico-fitodepurazione-sangelo-in-pontano-mc-5-8-luglio/