orti sinergici


ORTI CONDIVISI A SAVIGNANO

 1° incontro – 27 novembre
Giornata introduttiva e di presentazione. Non é richiesta alcuna iscrizione e nessun pagamento.
Nel corso della giornata sarà formato il gruppo, od i gruppi, che parteciperanno al corso vero e proprio che si svolgerà secondo il programma
Per quanto riguarda la quota di partecipazione sarà decisa in base al numero degli aderenti. Il primo incontro sarà libero e gratuito, sulla quota viene accettato il pagamento del 20% in Scec
Sempre in base alle adesioni saranno decise eventuali riduzioni da applicare a determinate categorie: anziani, disoccupati, lavoratori in mobilità, studenti ed eventualmente a gruppi.
Il corso, oltre a essere propedeutico all’ agricoltura sinergica, ha anche lo scopo di coinvolgere i partecipanti nella realizzazione di un orto condiviso, al quale potranno aderire i partecipanti al corso.
Le quote di iscrizione saranno interamente impiegate nella realizzazione dell’ orto (materiali, impianto di irrigazione, sementi, assicurazione).
I docenti del corso per questa occasione saranno presenti a titolo gratuito per l’ intera durata del progetto, il terreno è concesso dai proprietari in comodato gratuito all’ Orto Condiviso del quale fanno parte.
 
Dal 27 novembre 2010 al 27 marzo 2011: un corso in sei tappe per imparare a progettare e realizzare un orto sinergico, nell’ambito di un percorso sociale di condivisione

L’idea dell’orto condiviso ha molte valenze: formare un gruppo di persone che condividano il piacere e l’impegno di produrre il proprio cibo, creare un luogo didattico aperto che possa essere frequentato da scolari e da adulti interessati all’agricoltura sinergica, sperimentare un modello di condivisione che possa essere utilizzato da altri gruppi, dare impulso alla nascita di tanti orti per l’autoprduzione, avviare un percorso di “Transizione”.

La scelta di fare un orto sinergico, è legata tra i molti altri vantaggi, anche al fatto che un orto sinergico è un “modello di società” armonica e felice in cui convivono collaborando piante, suolo, microorganismi, batteri, funghi e tutti gli esseri di cui è ricca la terra.

Il progetto è promosso dalla Rete Val Bisenzio in Transizione di cui fanno parte le associazioni: “Basilico”, “Eccetera”, “La Bambina di Chimel”, “Sesto Cielo”, “Terra Semplice”, “Venti di Terra”.

Il corso, teorico-pratico, sarà condotto da Marco Naldini e Marilia Zappalà (Associazione Basilico) insegnanti della Libera Scuola di Agricoltura Sinergica Emilia Hazelip, da Giovanna Giustini dell’Associazione La Bambina di Chimel e da Stefano Mattei dell’Associazione Terra Semplice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...