La permacultura ed il Corto Circuito

polizia

L’altro giorno al Corto Circuito, abbiamo toccato con mano per l’ennesima volta l’ottusità del sistema in cui viviamo; si e’ manifestato con una violenza tangibile, centinaia di agenti hanno fatto irruzione, sfasciando porte, finestre e tenendo in stato di fermo 4 persone che per caso dormivano dentro (per farci sloggiare sarebbe bastato un metronotte!).

Perche’ succede questo…..perche’ i meccanismi che regolano le nostre società vanno contro la vita, si distruggono le comunità, l’ambiente, i diritti basilari delle persone ed infine le persone stesse, e’ talmente evidente che sembra quasi una banalità ricordarlo; ma il sistema e’ ben congeniato, i soldati che attualmente si trovano in zone di guerra sono convinti di essere in missione di pace, i poliziotti che sono venuti al Corto Circuito erano convinti di ristabilire l’ordine, quasi tutti i dipendenti delle multinazionali sono convinti di contribuire alla costruzione di un mondo migliore.

Il sistema e’ ben congeniato……..ma ha una grande falla, non e’ in grado di gestire la diversità, e le idee che ne conseguono, e’ il risultato di una regressione culturale e quando entra in contatto con il diverso…..l’alternativo, o lo tiene al margine o ne ha paura.

slogan

E al Corto Circuito e’ successo proprio questo, e’ stata una colossale manifestazione di paura, paura di una visione della società per i cittadini fatta dai cittadini, paura di considerare la diversità come una ricchezza, paura della consapevolezza.

corto6

Al Corto Circuito in questi mesi ho visto negli occhi della gente l’amore per la vita, che si e’ manifestato in tutte le sue forme, per la gente del quartiere, per l’ambiente, per gli animali, l’altro giorno non ho avvertito paura, ma una grande tristezza, alcuni mi hanno posto questa domanda:
Stefano in questi casi come ci può aiutare la permacultura?

ninfee

Ci ho riflettuto tanto……….penso che viviamo tutti i giorni sotto la violenza del sistema, in queste occasioni e’ solo più tangibile fisicamente e quindi ci deve rafforzare, ci deve fra capire che siamo nella giusta strada, consapevoli o no la stragrande maggioranza delle persone non vive bene ed e’ grazie alle esperienze come quelle del Corto Circuito che possiamo sperare in un cambiamento ed e’ con la forza delle idee che possiamo incidere su una cultura di pensiero aperta alla vita.
La permacultura può aiutare molto….. in questi mesi abbiamo iniziato un percorso entusiasmante e sono sicuro che andremo avanti ancora con più determinazione e penso che il Corto Circuito sia un’occasione formidabile per il movimento permaculturale, perche’ il Corto e’ un margine e come sappiamo sono le zone di margine dove la vita si manifesta appieno.

Stefano Mattei

Save

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...